Il ruolo del “Case Manager” all’interno del team bariatrico del Policlinico di Ponte San Pietro

Il ruolo del “Case Manager” all’interno del team bariatrico

Chi è il case manager? Che figura professionale è? Quando viene a contatto con un paziente che sta per affrontare un percorso di chirurgia bariatrica? L’abbiamo chiesto a Rossella Cassera**, “case manager” dell’Unità Operativa di Chirurgia Bariatrica diretta dal Dr. Vincenzo Borrelli del Policlinico San Pietro degli Istituti Ospedalieri Bergamaschi, sito a Ponte San Pietro, in provincia di Bergamo.

 

Parliamo di obesità: i pazienti che approdano alla chirurgia bariatrica sono pazienti ampiamente studiati e valutati sotto vari aspetti, devono essere ben motivati, informati e psicologicamente orientati prima di poter affrontare un percorso bariatrico.

 

Qual è il ruolo dell’infermiere nella presa in carico di un paziente con obesità e/o diabete nel vostro Centro?

“La cura dell’obesità – afferma Rossella – si articola all’interno di un lavoro multidisciplinare che vede coinvolti diversi specialisti, con diverse competenze, tra cui: il chirurgo bariatrico, lo psicologo, il nutrizionista, l’endocrinologo, il gastroenterologo e anche l’anestesista, o altri specialisti coinvolti di volta in volta in base alle necessità.  Ognuno di questi professionisti lavora coadiuvato da personale infermieristico, tutti insieme mettono il paziente al centro e collaborano fra loro per offrire il miglior trattamento possibile, agendo sia sull’aspetto motivazionale che terapeutico.

“La figura dell’infermiere con competenza specifica per l’assistenza del paziente che affronta un percorso di chirurgia bariatrica è prevalente – sottolinea Rossella –  e durante il ricovero ospedaliero diventa ancor più significativa. Il team di infermieri del nostro Centro del Policlinico San Pietro è composto da personale formato per trattare nella sua integralità questo tipo di paziente così fragile, sia dal punto di vista fisico che emotivo. Il team di infermieri è guidato dalla case manager, che è una figura infermieristica, e che risulta essere il riferimento di tutto il personale infermieristico, di tutti i medici ma soprattutto del malato stesso, infatti è lei che lo accoglie all’arrivo in reparto e studia un piano assistenziale personalizzato.

 

Come avviene l’accoglienza del paziente nel reparto?

Una volta che il paziente è giudicato candidabile alla chirurgia bariatrica, dopo le visite iniziali, si procede all’intervento vero e proprio e quindi all’esecuzione di quelle indagini pre-operatorie necessarie, tra cui: esami del sangueelettrocardiogramma, una valutazione anestesiologica e se dovesse essere necessaria anche una valutazione da parte del cardiologo e dello pneumologo.

A questo punto il paziente accede al reparto, il giorno del ricovero nella maggior parte dei casi coincide anche con quello dell’intervento stesso e generalmente il ricovero è molto breve, questo per permettere al paziente un miglior recupero dopo l’intervento, con lo scopo di un ritorno precocee più sicuro alle proprie attività quotidiane.

Durante l’accettazione di routine, l’infermiera oltre a verificare la presenza in cartella di tutte le indagini pre-operatorie e anche del consenso informato, si mette a disposizione del paziente per eventuali dubbi o paure che potrebbe sorgere lungo il percorso. A questo punto si può rendere anche necessario un ulteriore colloquio con il chirurgo, prima del trasporto in sala operatoria, per chiarire ogni possibile perplessità.

 

Quale assistenza dopo l’intervento?

Una volta che il paziente rientra in reparto, dopo l’intervento di chirurgia bariatrica/metabolica, l’infermiera deve monitorarlo costantemente attraverso il controllo dei parametri vitali. Nella nostra unità operativa di chirurgia bariatrica del Policlinico Ponte San Pietro, abbiamo a disposizione un sistema di monitoraggio telemetrico continuo della pressione, saturazione e frequenza, questo ci permette anche di essere più tranquilli, di lavorare più in sicurezza, sia noi operatori ma soprattutto il paziente stesso.

Fondamentale sarà la mobilitazione precoce che generalmente avviene già un’ora dopo l’uscita dalla sala operatoria, mantenere le compressioni agli arti inferiori e iniziare subito una ginnastica respiratoria con incentivatore. Tutto questo per evitare complicanze tromboemboliche o complicanze polmonari che ritarderebbero inevitabilmente la dimissione. Anche in questo caso è fondamentale che il paziente collabori, quindi è importante che l’infermiera lo istruisca, lo informi e lo stimoli continuamente. Più si instaura un rapporto di fiducia tra il paziente e l’infermiere meglio è perché il paziente tende a collaborare di più.

Dopo i controlli che vengono eseguiti il giorno successivo l’intervento chirurgico, se sono risultati negativi, si programma la dimissione che avverrà durante la seconda giornata post-operatoria. A questo punto la nutrizionista interverrà per educare il paziente su quella che sarà la sua dieta dopo la dimissione e consegnerà tutte informazioni sulle integrazioni alimentari e vitaminiche di cui avrà bisogno a domicilio, sulla base delle necessità individuali e dell’intervento eseguito.

 

E per quanto riguarda il follow up?

Prima della dimissione al paziente viene dato un appuntamento per il primo controllo che di regola è fissato dopo un mese dall’intervento chirurgico e successivamente verranno pianificati tutti gli altri appuntamenti per i controlli nel tempo a scadenze regolari: 1 mese, 6 mesi, 12 mesi e poi 1 volta all’anno per sempre. Logicamente se ci fossero delle problematiche, questi controlli saranno più ravvicinati e comunque sempre sulla base delle singole necessità. Il team rimane sempre a disposizione e rappresenta spesso un punto di riferimento per il paziente.

 

Che cosa è importante trasmettere al paziente affinché riesca a gestire al meglio il periodo successivo all’intervento, forse il più delicato?

È fondamentale far capire al paziente che un intervento tecnicamente eseguito in modo corretto, ma non seguito nel tempo può dare dei risultati meno efficaci e può portare all’aumento dell’incidenza delle complicanze che possono essere chirurgiche, internistiche o nutrizionali, oppure anche all’aumento degli insuccessi e quindi alla ripresa del peso oppure a uno scarso calo ponderale, quindi: maggiore sarà l’adesione del paziente ai controlli del follow up, maggiore sarà il successo di tutto il suo percorso in termini sia di salute che di qualità di vita. Il solo intervento chirurgico non è una bacchetta magica: il paziente ci deve mettere molto impegno e determinazione per rinascere e riprendere in mano la propria vita.

 

GUARDA IL VIDEO DI ROSSELLA CASSERA: “IL RUOLO DEL CASE MANAGER”

 

 

** Rossella Cassera, “case manager” dell’Unità Operativa di Chirurgia Bariatrica diretta dal Dr. Vincenzo Borrelli del Policlinico San Pietro degli Istituti Ospedalieri Bergamaschi, sito a Ponte San Pietro, in provincia di Bergamo. Per chi volesse contattarla è possibile scrivere alla seguente email: [email protected]

 

 

 

"Poter vivere una vita normale... non una vita a metà"

Filo diretto


Link utili

Unavitasumisura.it © 2011 - 2020 Tutti i diritti riservati
Con il contributo non condizionante di Johnson & Johnson Medical S.p.a.

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?