L’eccesso di peso incide anche sulla funzione respiratoria

L’eccesso di peso incide anche sulla funzione respiratoria

Con la consulenza della d.ssa Anna Palmieri, anestesista, team bariatrico INCO San Donato, diretto dal dr. Alessandro Giovanelli


L’obesità importante è spesso associata a notevoli disturbi respiratori. L’aumento del grasso al collo, al torace ma soprattutto l’aumento del grasso viscerale, più che del peso in toto, inducono notevoli problemi alla funzione respiratoria. Si riducono i volumi e quindi la capacità di trasferire l’ossigeno alle arterie, la persona fa fatica a respirare, tende ad ansimare. Si stima che nella persona obesa, il lavoro respiratorio aumenti di circa il 60% rispetto alla persona normopeso. Tutti questi fattori favoriscono una riduzione della concentrazione di ossigeno nel sangue (ipossiemia) e un parallelo aumento della concentrazione ematica di anidride car bonica (ipercapnia).

 

La sindrome delle apnee notturne (OSAS o SAS dall’inglese: Sleep Apnea Syndrome)

Si presenta spesso nella persona con grave obesità. Si manifesta con notevole russamento, difficoltà respiratorie durante la notte, ricorrenti risvegli notturni, sonno non riposante, sonnolenza diurna, scarsa concentrazione durante il giorno.

La Sindrome delle  Apnee Notturne è causata da una riduzione della capacità delle vie aeree superiori a causa di un eccesso di grasso, con fluttuazioni delle pareti delle vie aeree che provocano il forte russamento, fino al possibile collasso di queste vie con ostruzione del passaggio di aria. Questo tipo di apnee notturne si lega strettamente all’obesità di tipo viscerale e rappresenta un importante fattore di rischio per la cardiopatia ischemica e  lo stroke. La terapia decisiva è la riduzione drastica del peso, in particolare dell’eccesso di peso nella cintura addominale.

 

LEGGI ANCHE

– OSAS e complicanze polmonari nella persona con obesità »

– Difficoltà respiratorie e apnee notturne del paziente obeso »

– Obesità, malattie respiratorie e apnee notturne »

– La Sindrome delle Apnee Notturne (SCHEDA) »

 

 

L’eccesso di peso incide anche sulla funzione polmonare

Ad evidenziarlo sono i risultati di un recente, ampio studio internazionale pubblicato sulla prestigiosa rivista Thorax che ha monitorato per venti anni oltre tremila soggetti. Secondo gli autori dello studio un aumento eccessivo del peso può accelerare l’”invecchiamento” dei polmoni della persona con obesità. La buona notizia, è che con la perdita di peso, nel corso del tempo è possibile invertire questa tendenza e recuperare almeno in parte la funzionalità polmonare.

Gabriela Prado Peralta e colleghi hanno analizzato i dati dell’European Community Respiratory Health Survey, un’ampia indagine di popolazione che da decenni monitora la salute di oltre 10.000 adulti in 11 Paesi europei (compresa l’Italia) e in Australia. La valutazione ha coinvolto 3.673 partecipanti adulti tra i 20 e i 44 anni, seguiti per circa un ventennio, dal 1991-1993 al 2010-2014, quando avevano tra i 39 e i 67 anni.
Il peso corporeo e la funzione polmonare dei pazienti ammessi sono stati registrati in tre momenti nel corso di quegli anni e i ricercatori hanno raccolto informazioni su tutti i fattori che possono influenzare la funzione polmonare, per esempio abitudine al fumo ed eventuale diagnosi di asma, che può associarsi spesso all’obesità.

All’inizio dell’indagine, il 12% dei soggetti ammessi era sottopeso, il 57% era normopeso, il 24% era in sovrappeso e il 6% era obeso. Durante il follow-up, il 4% ha perso peso, il 34% ha mantenuto il proprio peso, il 53% ha registrato un moderato aumento di peso e il 9% è aumentata di peso in modo significativo.

 

Secondo gli autori “Le persone che erano obese in giovane età avevano una funzione polmonare più scarsa rispetto ai loro coetanei normopeso, ma la perdita di chili sembra invertire gli effetti negativi dell’obesità sulla funzione polmonare.”

Il nostro è il primo studio che valuta gli effetti della variazione di peso sulla funzionalità polmonare per un lungo periodo di 20 anni e in un campione di popolazione variegato” sottolinea Gabriela Prado Peralta, del Barcelona Institute for Global Health di Barcellona.

 

“Diversi sono i possibili meccanismi” – secondo gli Autori – “che spiegherebbero come l’eccesso di peso causi un declino precoce della funzionalità polmonare che si può ripristinare con il dimagrimento. Il primo potrebbe essere la presenza di una grande quantità di massa grassa nel torace e nell’addome che limita lo spazio per l’espansione del polmone durante l’inspirazione dell’aria.
Il secondo potrebbe essere il fatto che il tessuto adiposo è una ricca riserva di sostanze infiammatorie che possono danneggiare più rapidamente il tessuto polmonare e ridurre il diametro delle vie aeree. Quando si dimagrisce, tale potenziale infiammatorio viene meno a beneficio della funzione polmonare”.

Una terza ipotesi è che la perdita di peso possa essere accompagnata da un miglioramento delle alterazioni metaboliche legate all’eccesso di peso corporeo, come disregolazione dell’insulina, glicemia alta a digiuno, iperlipidemia (eccesso di grassi nel sangue) o ipertensione arteriosa, che sono anche correlati alla compromissione della funzionalità polmonare.

 

Infine, l’associazione tra la perdita di peso e il rallentamento del declino della funzione polmonarepotrebbe essere correlata a un drastico cambiamento nello stile di vita (per esempio, l’aumento dell’attività fisica o la variazione della dieta) che  possono verificarsi una volta che una persona è diventata più  consapevole degli effetti dannosi dei chili di troppo. A questo proposito, diversi studi hanno documentato che smettere di fumare e/o cominciare a praticare un’attività fisica in età adulta sono cambiamenti che ben si correlano a migliori livelli di funzionalità polmonare e / o attenuazione del declino della funzione respiratoria. In ogni  caso saranno necessari ulteriori studi per districare i meccanismi alla base dell’associazione tra aumento/perdita di peso e conseguente variazione della funzione polmonare.

 

 

References

– Alessandro Marcon, Anne-Elie Carsin, et al – Body mass index and weight change are associated with adult lung function trajectories: the prospective ECRHS studyThorax 2020;0:1–8. doi:10.1136/thoraxjnl-2019-213880

– Sigrid C Veasey, Ilene M Rosen – Obstructive Sleep Apnea in AdultsN Engl J Med, 380 (15), 1442-1449 2019 Apr 11

– Jiahui Lin , Maria Suurna – Sleep Apnea and Sleep-Disordered BreathingOtolaryngol Clin North Am, 51 (4), 827-833 Aug 2018

– Amy S Jordan, David G McSharry , Atul Malhotra – Adult Obstructive Sleep ApnoeaLancet, 383 (9918), 736-47 2014 Feb 22

– Tumbeiro M – Metabolic syndrome and its components in patients with sleep apnea syndromeAn Sist Sanit Navar 2011;34(3):363-372

– Park JG et al – Updates in definition, consequences and management of obstructive sleep apneaMayo CLin Proc 2011, 86(6): 549-555

– Guglielmi O et al – Obesity and sleep quality: the predictors of depression and anxiety in obstructive sleep apnea syndrome patientsRev Neurol 2011, 1; 52(9): 515-21

– Rabec C et al – Respiratory complications of obesityArch Broncopneumol 2011, 47(5): 252-61

 

 

 

 

"Poter vivere una vita normale... non una vita a metà"

Filo diretto


Link utili

Unavitasumisura.it © 2011 - 2020 Tutti i diritti riservati
Con il contributo non condizionante di Johnson & Johnson Medical S.p.a.

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?