Come hanno affrontato la quarantena le persone con obesità? L’Indagine Nazionale ADI

Come hanno affrontato la quarantena le persone con obesità? L’Indagine Nazionale ADI

A cura della Fondazione ADI**, Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica

 

La pandemia da Covid-19 ha costretto la stragrande maggioranza della popolazione italiana a un blocco prolungato tra il 4 marzo e il 18 maggio 2020. Quali ripercussioni hanno avuto nelle persone con obesità la disponibilità continua di cibo,  l’attività fisica ridotta, lo stress, la paura, la fame emotiva messe a dura prova dal ritiro forzato? È quanto hanno voluto indagare gli Esperti della Fondazione ADI dell’Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica, anche in considerazione del fatto che – durante la quarantena – la maggior parte dei Servizi di Dietetica – Unità di Obesità in tutta Italia si è adoperata per supportare i pazienti incaricati effettuando follow-up a distanza, tramite telefono e videochiamata. È stata condotta un’indagine presso i Servizi dietetici e di nutrizione clinica italiani tramite un questionario strutturato per avere informazioni su come le persone con obesità hanno affrontato il blocco del Covid-19. L’autorizzazione etica è stata ottenuta presso il Comitato Etico Centrale di Brindisi.

 

Il Sondaggio della Fondazione ADI

Il sondaggio è stato condotto durante le chiamate di follow-up mediante domande dirette o inviando inviti a completare il questionario sul Web. Il questionario era composto da 77 itemriguardanti l’alimentazione, l’attività fisica e gli aspetti psicologici.

 

Sintesi dei risultati

  • 1046 pazienti di 23 centri (classe di obesità da 41% da 2 a 3) hanno completato i questionari [71% donne, età media 50,5 ± 14,2 anni, Indice di Massa Corporea (BMI) medio 34,7 ± 7,6 kg / m2].
  • Durante la quarantena forzata, il 49,3% dei pazienti è aumentato di peso e il 27,4% ha ridotto il proprio peso, mentre per i restanti è rimasto invariato. La variazione di peso media è stata di +2,3 ± 4,8 kg.
  • Circa il 50% dei soggetti ha sperimentato paura e insoddisfazione; noia e depressione erano meno frequenti. In coloro che hanno sperimentato un aumento di peso, questo è stato in media del 4% circa.
  • Si è osservata un’associazione significativa tra la ridotta attività fisica, le difficoltà emotive durante il blocco e l’aumento di peso.
  • Inoltre, coloro che hanno lavorato in smart working (lavoro “intelligente”) e quelli in cassa integrazione hanno registrato un aumento di peso significativamente maggiore rispetto a quelli autorizzati a lavorare fuori casa o ai pensionati.
  • Il 66% si è auto-dichiarato a dieta per il controllo del peso prima del blocco e di questi, il 40% ha dichiarato di avere difficoltà a seguire la propria dieta.
  • L’aumento degli spuntini e l’aumento dell’assunzione di cibi ipercalorici sono stati i cambiamenti più frequenti delle abitudini alimentari durante il blocco. Solo il 4% dei pazienti assumeva farmaci per l’obesità, ma il 14% dei pazienti avrebbe voluto assumere farmaci per l’obesità durante la quarantena.

 

Le conclusioni della Survey

Durante il blocco del Covid-19 circa la metà dei pazienti con obesità nel follow-up presso i Servizi di Dietetica italiani non ha aumentato il proprio peso o ha avuto una perdita di peso. Tuttavia, nella restante metà, l’aumento di peso era clinicamente rilevante. Coloro che hanno aumentato il proprio peso probabilmente lo hanno fatto soprattutto a causa della ridotta attività fisica e del difficile stato emotivo.
Anche il lavoro da casa era associato a un controllo del peso più difficile. Soprattutto in quelli identificabili come a rischio più elevato, strategie appropriate (supporto remoto intensivo, terapia farmacologica) dovrebbero essere applicate in future situazioni simili di restrizioni casalinghe per prevenire aumento di peso e deterioramento clinico.

 

 

** La Fondazione ADI non ha fine di lucro, è apolitica e non confessionale. Essa ha per scopo la valorizzazione della dietetica e nutrizione clinica e delle figure professionali interessate a tale materia. Tale scopo sarà realizzato attraverso il costante aggiornamento e perfezionamento tecnico-scientifico e culturale, l’individuazione di specializzazioni all’interno della professione, la formazione, la promozione e l’attuazione di ogni iniziativa diretta allo studio ed approfondimento, a livello  scientifico e tecnico-applicativo, delle materie che costituiscono attualmente, o che potranno costituire in futuro, oggetto della professione di quanti operano nel settore della dietetica e nutrizione clinica, nonché delle materie complementari o comunque attinenti alla stessa.
Per maggiori informazioni, si rimanda al sito della Fondazione.

 

 

 

"Poter vivere una vita normale... non una vita a metà"

Filo diretto


Link utili

Unavitasumisura.it © 2011 - 2020 Tutti i diritti riservati
Con il contributo non condizionante di Johnson & Johnson Medical S.p.a.

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?