La prima cosa da fare per scoprire se si è in eccesso di peso è calcolare il proprio Indice di Massa Corporea (IMC) o Body Mass Index (BMI) che mette in relazione il peso con l’altezza.
La circonferenza addominale, in combinazione con il valore dell’Indice di Massa Corporea, rappresenta un parametro predittivo molto importante per determinare il grado di obesità e i rischi di salute associati.
Una raccolta di schede pratiche per approfondire l’obesità e le sue complicanze, capire meglio ciascun intervento di chirurgia bariatrica oggi disponibile e alimentare la motivazione personale a cambiare stile di vita.
Immagine Speciali Unavitasumisura
Servizi Unavitasumisura
Eventi Unavitasumisura

Gli speciali

Weight regain post-bariatrico e ruolo dei fattori psicologici

Dopo un intervento bariatrico, una minima ripresa di peso (weight regain) nel lungo termine è prevedibile. Si stima che circa il 50% dei pazienti sottoposti a chirurgia bariatrica riprendano il 5% del peso perso a 2 anni dall’intervento. Tuttavia, questa ripresa di peso, è attendibile, ma non clinicamente significativa, non c’è quindi da preoccuparsi se dopo una fase di stabilizzazione ci sia un lieve riaumento.

La dieta dopo la sleeve: 10 punti cardine

La sleeve gastrectomy (sleeve) è un intervento di chirurgia bariatrica di tipo gastrorestrittivo: ciò significa che lo stomaco viene tagliato in una lunga “striscia”, simile a una tasca. Le ridotte dimensioni del nuovo stomaco (volume variabile tra 60 e 150cc) limitano la quantità di cibo che può essere ingerito in un solo pasto, consentendo al paziente di raggiungere un precoce e duraturo senso di sazietà.

Quale attività fisica durante la dieta chetogenica?

La dieta chetogenica per il trattamento dell’eccesso di peso si sviluppa secondo un programma strutturato in 4 fasi successive una all’altra in un ordine ben stabilito.
1. fase di dimagrimento, l’unica fase in cui si arriva allo stato di chetosi; 2. fase di transizione, progressiva reintroduzione dei carboidrati; 3. fase di rieducazione alimentare; 4. fase di mantenimento del peso, fase di equilibrio.

Pubblicate le Nuove Linee Guida Canadesi sulla gestione dell’obesità

Oltre a consigliare semplicemente ai pazienti di “mangiare di meno, muoversi di più”, le Linea Guida canadesi incoraggiano i medici a fornire supporto secondo le Linee Guida, utilizzando tutte le risorse disponibili: terapia nutrizionale e motoria, psicologica, farmacologica e – nei casi in cui sia necessario – prendere in considerazione e consigliare anche la chirurgia bariatrica, che in molti casi rappresenta un vero e proprio salvavita.

Eliminare il fumo: prima dell’intervento bariatrico … e anche dopo!

I problemi che si possono associare al fumo di sigaretta durante l’intervento o nel post-operatorio sono di varia natura. I pazienti obesi che fumano possono andare incontro a problemi di natura trombo-embolica ossia possono crearsi dei trombi, ovvero dei piccoli coaguli all’interno dei vasi sanguigni che rappresentano a loro volta fattori di rischio per problematiche più gravi 

3+1 domande sulla dieta chetogenica

La dieta chetogenica è una dieta essenzialmente ipoglucidica, cioè a basso o bassissimo contenuto di carboidrati (5%), proteine moderate e ricca di grassi sani (> 75 % delle calorie introdotte). Quando si riduce drasticamente l’apporto di carboidrati, l’organismo tende a bruciare i grassi corporei di riserva anziché attingere l’energia dagli zuccheri e dai carboidrati (come avviene normalmente).

I Video di UVSM

DOMANDE FREQUENTI

LA PAROLA DEL GIORNO

Valvulopatia cardiaca

La valvulopatia è una malattia di una valvola cardiaca con compromissione funzionale della struttura; può causare insufficienza cardiaca, cardiopatie ed aritmie.

NEWS

Pubblicate le Nuove Linee Guida Canadesi sulla gestione dell’obesità

Oltre a consigliare semplicemente ai pazienti di “mangiare di meno, muoversi di più”, le Linea Guida canadesi incoraggiano i medici a fornire supporto secondo le Linee Guida, utilizzando tutte le risorse disponibili: terapia nutrizionale e motoria, psicologica, farmacologica e – nei casi in cui sia necessario – prendere in considerazione e consigliare anche la chirurgia bariatrica, che in molti casi rappresenta un vero e proprio salvavita.

CONSIGLI PER OGNI STAGIONE

Orzo: il cereale dell’estate

L’orzo è un cereale nutriente che facilita la digestione: apporta meno proteine del frumento ma è particolarmente ricco di sali minerali.
Per questo viene spesso definito come un cereale “estivo”, mineralizzante e ricco di elementi importanti, come magnesio, potassio, cromo e zinco e vitamine (E, PP, acido folico, gruppo B).

PUBBLICAZIONI

Pubblicazioni

CERCA UN CENTRO

Loro ce l’hanno fatta.
Ce la puoi fare anche tu!

"Poter vivere una vita normale... non una vita a metà"

Filo diretto


Link utili

Unavitasumisura.it © 2011 - 2020 Tutti i diritti riservati
Con il contributo non condizionante di Johnson & Johnson Medical S.p.a.

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?